La mia famiglia

Mi presento sono Antonio
uomo probo, ancor capace
in pensione da qualche anno
sto invecchiando in santa pace.

Nella vita ho fatto molto
quasi sempre da sportivo
ma a vent’anni, disinvolto
ero all’ANAS giulivo.

Poi è arrivata un’occasione
e così ho cambiato fato,
son volato verso un mondo
dove il “gioco” era pagato.

Respirando, all’aria aperta,
ho insegnato a bimbi e mamme
tanto tennis ma per primo,
che la vita non è inganni.

Poi nei lidi di Livorno
tanti flirt e tanti amici
senza perdere più tempo,
ho piantato le radici.

Ho creato una famiglia
con l’aiuto di una donna
all’inizio diffidente
poi mostratasi “colonna”.

Il suo nome è Loredana,
generosa e straordinaria,
ha inseguito sempre un sogno
voler far la segretaria.

E ancor piccola, immatura,
si è “gettata” con fervore
ma, mettendo molta cura,
nel lavoro e il suo grigiore.

Poi l’amore e le disgrazie
l’han provata troppo presto
fino a che tra le sue grazie
è piombato il suo “maestro”.

Il desio di questa coppia
era amore pei piccini
così senza tanta attesa
hanno fatto due bambini.

Francesco, il primo figlio
è carino, senza vizi,
svolge bene i suoi doveri
e rinnega i pregiudizi.

Lui è sempre a disputare
il dissidio contro il mondo,
perché nota le ingiustizie
e non sa lottarle a fondo.

Un po’ teso molto stanco
ma s’impegna con decoro,
la mattina per lo studio,
il pomeriggio poi al lavoro.

Alessandro il più piccino,
generoso forte e bello
sogna sempre come un bimbo
e non evolve mai il cervello.

Gioca al calcio da molti anni
ma, il suo ruolo preferito,
è ricorrere agli inganni
pur d’uscire senza invito.

Con la scuola è sempre in lotta
ma non soffre di patemi,
nello studio è un anno avanti,
solo noi vediam problemi.

Ora è anche “fidanzato”
con Ludovica, ragazzina
che l’ha subito ammaliato
e gli sta sempre vicina.

Questa qui è la mia famiglia,
alla quale chiedo scusa
pel ritardo a presentarla
e per la rima forse astrusa.
aro

La mia famigliaultima modifica: 2009-03-28T09:47:00+00:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La mia famiglia

Lascia un commento