ER TEMPO

Nun stà mai a pensà: “sarò felicequanno più vecchia sarà la mi radice ?”perchè li vecchi in coro t’arrisponno:“ ma che ce stamo a fà ora ner monno ?”, “I dolori so tanti, nun te danno treguaa moie ch’hai li accanto ormai è na stregae i figli sfornati p’avè na compagniate saluteno presto e vanno via”. aro

Alla maniera di … Totti

Sirvio e er governo Sirvio è normale chi paghi pe’ la fia, la cambia sempre e nun glie fà la spia nun va poi a dì: “nun è bono a fallo, e se deve stà n’ora pe drizzallo”. Poi, nell’intervista, quella vera te spiegheno er fatto della sera e se glie chiedi avete fatto bunga t’arrisponno: “la notte è stata lunga, … Continua a leggere

U ruvesciu ra miragghia

Me patri era n’omu piu e onestu pi figghi e pa mugghieri iddu campava a casa non turnava troppu prestu    pirchì finu a tardu sempri travagghiava. Na vota ieu nci rissi: “Ma pirchì  stai intra a na stanza tuttu u iornu ? Senza viriri u cielu voi muriri ? non ci su sordi pi pavari stu scornu”. Iddu mi vardau … Continua a leggere

Napule, oggi

A livella i Totò era funesta, ma riciva “a muorti nun fa inganni” e nui viventi aviumu rintr’ a testa, a vogghia i campari pi cent’anni. Ma cu chiddu chi si viri oggi rivammu a nu degradu trist’assai, a munnezza è iata comu poggi e a malavita putenti chiu chi mai. Fora, ndall’aria è sulu nu turmentu, a puzza ti … Continua a leggere

A famigghia

L’amuri chi ti runa a to famigghia è grandi comu’u cori chi ti batti u patri, a matri, a mugghieri e i figghi, sunnu pi tia gran’opiri dill’arti. Si vivi cu ll’amuri ri parenti nenti poti signari chiu’ a to vita Si comu nu pascià riccu e putenti chi viv’intensamenti a sò partita. Passunu l’anni e tanti sunnu i guai    … Continua a leggere

A sigaretta

Cu teni a sigaretta intr’e mani, o è malatu i testa o n’incoscienti. “U sai chi respirari chiddi fumi a vita ropu nun ti vali nenti ?” Idda ti mangia l’organi vitali, è comu nu nimali chinu i renti t’indaccorgi sulu nt’ospitali: “Tumuri ! E non putimu nenti” aro  traduzione:          La sigaretta Chi ha una sigaretta tra le mani, … Continua a leggere

L’anima

Tant’anni fa nascia ndi na collina chi si truvava e peri i nu santuariu, na bella cresia, comu na cartolina. Era i sant’Antonio stu scenariu. S’avia’nchianari i na stretta via manc’asfaltata e tutta chin’i petri finu a raggiungiri chidda poesia cavia pittati i santi supra i vetri. Ndi purtavunu ndà, sempri a prigari, ma nui chianu e senza fa rumuri, … Continua a leggere

U peperoncinu

U peperoncinu, quand’u mangi ti runa tanta forza, ogni mumentu nto studiu, u sport, oppuru nte viaggi ti faci sintiri sempri nu purtentu. Iddu è inesauribili, è na manna allura, pircchì cerch’autri sfoghi nt’all’eroina, a coca oppuru a canna: “pepè è a chiu forti i tutt’i droghi”. aro traduzione:  Il peperoncino Il peperoncino se lo mangi ti dà una forza … Continua a leggere

U sapiri

Me patri mi riciva ‘i picciriddu: “insiem’o corpu cura pur’a scienza cussì, dumani, pinseri tu non hai chi musculi ti trov’anch’a sapienza” aro traduzione:   Il sapere Mio padre mi diceva da piccino: “insieme al corpo cura anche la scienza così domani pensieri più non hai coi muscoli ti trovi la sapienza” aro