A famigghia

L’amuri chi ti runa a to famigghia
è grandi comu’u cori chi ti batti
u patri, a matri, a mugghieri e i figghi,
sunnu pi tia gran’opiri dill’arti.

Si vivi cu ll’amuri ri parenti
nenti poti signari chiu’ a to vita
Si comu nu pascià riccu e putenti
chi viv’intensamenti a sò partita.

Passunu l’anni e tanti sunnu i guai   
ma sì cumbatti cu ll’amuri in core       
i superi senza chi tu u sai
e a natura premia chist’ardore.  

Avrai ‘na vita ‘ntensa, e chi duluri
ma nun avrai, mancu nu mumentu
dubbi su chiddu ch’ai a cchi fari,
puru si c’è dù riavulu u turmentu.

Non avi aspettu, ma voci suadenti
u senti leggiu ndall’aria, dint’o ventu
t’invita cu tutti i movimenti
picchì non boli chi tu sia cuntentu.      

A  ffari com’Ulisse chi sireni
chi schiavu non si fici i chiddi riti.
L’amuri ch’iddu aviva pà mugghieri
fu cchiu forti di li sò pruriti. 

Non ciangiri i to morti o cimiteru.
Falli gudiri quandu sunnu vivi   
e iddi non avrannu dispiaciri       
cu tantu amuri, morunu sireni. 

L’affettu è un beni spirituali,
è tantu randi chi ti runa angoscia
u pinseri chi ca fini i nu murtali
potì finiri cu iddu nta na fossa.

L’amuri non pot’ esseri  tirreno
è troppo forte e nun ti pò’ lassari
ma cosa ci sarà non è a sapiri
‘chì misteri su’ tanti e puru vari.

Chiddu chi pozzu diri ora chi campu
e nu pinseru chi ricordu sempri,
da picciriddu io stava pi muriri
ma na vuci mi rissi: “nun su tempi”
aro

traduzione:

La famiglia

L’amore che ti dà la tua famiglia
è grande e non ti chiede controparte
padre, madre, moglie e figli,
sono per te grandi opere dell’arte.

Lo senti dentro è come un salvagente
al quale aggrapparsi nella vita.
In ogni momento triste e deludente
farà affrontare meglio ‘sta partita.

Passano gli anni e tanti sono i guai
ma se combatti con l’amore in cuore
li superi che neanche tu lo sai
e la natura premia questo ardore.

La vita è dura e ti darà tormento
sarà di gioie, ma anche di dolori
ma dubbi non avrai, neanche un momento,
anche se il diavolo ti spinge ai suoi favori.

Non ha aspetto ma voce suadente
lo senti leggero in aria, dentro il vento
ti avvolge e t’accarezza coi suoi inviti
perché non vuol vederti mai contento.

Devi fare come Ulisse e le sirene
che schiavo non si fece di quei riti.
L’amore che lui aveva per la moglie
fu più forte di tutti i suoi pruriti.

Non piangere i tuoi vecchi al cimitero.
stagli vicino e aiutali da vivi
e il loro tempo trascorrerà giulivo
fino al distacco che li coglierà sereni.

L’affetto è un bene spirituale,
ma è talmente grande che dà angoscia     
pensare alla fine d’un mortale       
e a questo sentimento che si affossa.   

L’amore non è un bene terreno
è troppo intenso e non ci può lasciare
ma cosa sarà “il dopo” non è dato sapere
‘chè i misteri son tanti e pure vari.

Quello che posso dire ancor che vivo
è un pensiero che ricordo dentro,
da piccolino, stavo per morire
ma una voce mi disse: “non è tempo”.
aro

A famigghiaultima modifica: 2007-07-09T19:25:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo