L’anima

Tant’anni fa nascia ndi na collina
chi si truvava e peri i nu santuariu,
na bella cresia, comu na cartolina.
Era i sant’Antonio stu scenariu.

S’avia’nchianari i na stretta via
manc’asfaltata e tutta chin’i petri
finu a raggiungiri chidda poesia
cavia pittati i santi supra i vetri.

Ndi purtavunu ndà, sempri a prigari,
ma nui chianu e senza fa rumuri,
nisciumu ra cresia, comu libirati
e ndà vicinu iucaumu o palluni.

Cu me frati Aldo e cu Marcellu
iucaumu fino a chi chiuriv’a sedi,
intra a cresia, pi nui nun era bellu,
sulu u palluni era a nostra fedi.

A confessioni era na tragedia
pirchì vuliunu sapiri i nostri fatti,
e ndi ricivunu “facisti – e cu chi media ? ”
e nui a suffriri, ch’impuri eranu l’atti.

Ma in mezzu a tutti chisti frati
ndi canuscìa uno bravu e onestu
chi non vulìa ave marie e patri
ma parrava sempri i tuttu u restu.

Nu iornu chi nci rissi “io non credo”
Iddu mi fici nu discursu seriu,
nò p’aprire l’occhi a unu cieco,
ma pi spiegari a vita e o so misteru.

Ma siccomu ieu nci rintuzzava
ogni parola senza nu respiru
a fini troppu stancu mi diciva:
“senza nenti a vita è nu deliriu”.

“Puru si non è biondo e nazarenu,
nascimmu pu disegnu i nu divinu,
e chistu grand’esseri supremu
dop’a morti ndi voli o so conciliu”.

“Nun simu robot fatti di carni
supra nu telaiu a forma d’ossa,
l’anima è nu spirito immortali,
e non poti finiri nda na fossa.
aro

traduzione:

            L’anima

Tant’anni fa son nato in una collina
che si trova ai piedi d’un santuario,
una bella chiesa, come una cartolina.
ed è di sant’Antonio ‘sto scenario.

Si sale da una stretta via
senza l’asfalto, ma tra terra e pietre
fino a raggiungere quella poesia
ch’ha per pittura tanti santi ai vetri.

Ci portavano lì sempre a pregare,
ma noi piano e senza far rumore,
fuggivamo dalla chiesa, liberati
per andare a un campo di pallone.

Con mio fratello Aldo e con Marcello
giocavamo finché chiudea la sede,
dentro la chiesa per noi non era bello,
solo il pallone era la nostra fede.

La confessione, poi, era tragedia
perché volean sapere i nostri fatti,
e ci chiedean “ti tocchi e con che media ? ”
e noi a soffrire che impuri erano gli atti.

Ma in mezzo a tutti questi frati
ne ho conosciuto uno bravo e onesto
che non voleva ave marie o padri
ma parlava con me di tutto il resto.

Un giorno che gli dissi: “io non credo”
lui mi fece un discorso lungo e serio,
non per aprire gli occhi a uno cieco,
ma per dare vigore al gran mistero.  

Mentre parlava io gli contestavo
ogni concetto senza dar respiro
e lui stanco alla fine disse: “chiaro,
ma senza niente la vita è un delirio”.

“Pure se non è il biondo nazareno,
noi siamo nati per mano di un divino,
e questo grand’essere supremo
dopo la morte ci vuole al suo concilio”.

“Noi siamo eletti e, al nostro interno,    
abbiamo una cosa sola non mortale   
è l’Anima che vive, combatte e sente
ogni qualcosa falsa che non vale”.

“Il corpo è da robot, fatto di carne
che copre lo scheletro e le ossa,
ma l’Anima è uno spirito immortale,
e non può finir dentro una fossa”.
aro

L’animaultima modifica: 2007-07-09T19:20:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo