Napule, oggi

A livella i Totò era funesta,
ma riciva “a muorti nun fa inganni”
e nui viventi aviumu rintr’ a testa,
a vogghia i campari pi cent’anni.

Ma cu chiddu chi si viri oggi
rivammu a nu degradu trist’assai,
a munnezza è iata comu poggi
e a malavita putenti chiu chi mai.

Fora, ndall’aria è sulu nu turmentu,
a puzza ti pigghia sempri, aunni vai,
ndi ven’incontro puru senza ventu
e u stomacu si torci comu mai.

Si nun mori pi stu grandi fetu,
ci pens’a camorra ca so leggi
scippa, ammazza, senza vetu
e cu sta violenza tuttu reggi.

E cussì fù, chi chistu paradisu,
chi faciv’invidia a tuttu u munnu interu
pirdiu, prima u profumu e poi u surrisu:
“chiu i nu scenariu pari un cimiteru”.

Ma ginnaru chi ama sta città
e viri tuttu chiddu chi succeri
ndi proteggi e ndi fa campà,
cu tantu amuri oggi com’a ieri.

E’ veru Napule oggi ciangi assai,
e ndi pari chiu nira a nostri sorti
ma ginnaru fici u miraculu i sti guai:
“siti all’infernu vivi e non da muorti”.

traduzione:

Napoli, oggi

La livella di Totò era funesta,
e diceva: “la morte non inganna”
e noi viventi co’ ‘sto pensiero in testa ,
cerchiamo di campare ancor cent’anni.

Con quello che, però, si vede oggi
il degrado è ampio e triste assai,
la sporcizia è alta più dei poggi
e la malavita potente più che mai.

Fuori, nell’aria, è solo un gran tormento,
la puzza a tutti gli angoli di strade,
ci viene incontro pure senza vento
e lo stomaco si contorce come mai.

Se non muori per questo gran fetore
ci pensa la camorra e la sua legge
scippa, ammazza, senza onore
e con questa violenza tutto regge.

Così è accaduto che questo paradiso,
che c’invidiava tutto il mondo intero
ha perso il profumo e poi il sorriso:
“da uno scenario è nato un cimitero”.

Ma gennaro che ama la città
e vede tutto quello che succede
per non farci soffrire cosa fa ?
Ci trasforma in nome della fede.

Se Napoli ora piange per quest’atto,
e sembra nera anche la sua sorte
gennaro il miracolo l’ha fatto:
“siamo all’inferno vivi e non da morti
aro

Napule, oggiultima modifica: 2007-07-09T19:30:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo