U ruvesciu ra miragghia

Me patri era n’omu piu e onestu
pi figghi e pa mugghieri iddu campava
a casa non turnava troppu prestu   
pirchì finu a tardu sempri travagghiava.

Na vota ieu nci rissi: “Ma pirchì 
stai intra a na stanza tuttu u iornu ?
Senza viriri u cielu voi muriri ?
non ci su sordi pi pavari stu scornu”.

Iddu mi vardau e mi rissi seriu:
“a gioia pi mia è sulu nta famigghia,
cu tanti figghi, da randi a picciridda,
mi sentu nu re chi tuttu voli e pigghia”. 

“Però du facci avi sta medaglia  
i na parti tanti figghi e l’amuri,
ma ill’autra, sa giri, viri pinseri e rabbia,    
chi pi mangiari non bastunu i sapuri”.       
aro

traduzione:

Il rovescio della medaglia

Mio padre era un uomo pio e onesto
per i figli e per la moglie lui viveva
a casa non tornava troppo presto
perché fino a tardi sempre lavorava.

Una volta io gli dissi: “ma perchè
stai dentro una stanza tutto il giorno ?
Senza vedere il cielo vuoi morire ?
non ci son soldi per pagar ‘sto scorno”.

Lui mi rispose con la testa china:
“la gioia per me è solo la famiglia,
con tanti figli da grande alla piccina,
mi sento un re che tutto vuole e piglia”.

“Ogni medaglia, però, ha facce opposte
da una parte i figli e quello che ti è caro,
ma se la giri vedi pensieri e angosce,
per crescerli ci vuol tanto denaro”.
aro

U ruvesciu ra miragghiaultima modifica: 2007-07-12T15:20:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “U ruvesciu ra miragghia

  1. Molto bella, sotto mi permetto di suggerirti il dialetto esatto, se posso esserti utile in futuro, ne sarei ben lieto,ciao.

    pirchì finu a tardu sempri travagghiava.

    stai intra a na stanza tuttu u iornu?
    senza viriri u cielu voi muriri?
    non ci su sordi pi pavari stu scornu

    iddu mi vardau
    mi sentu nu re

    medaglia
    non bastunu

I commenti sono chiusi.