Giulietta & Romeo oggi

Passati di mort’anni, ‘ome ‘n mare
una ragazza ‘olor dell’arbiocca
a Calafuria andava per ballare
ma stav’attenta a chi dava la gnocca.

Vesta ragazza dar nome di Giulietta
amava la danza e anco i bei turisti
ma pe’ la storia poco prima detta
ni ‘ontrollava do’umenti e visti.

Voleva esser siura di non dalla
a chi tra Tombolo e Viareggio era nato
e anche vella volta, prima di falla,
guardò i documenti, da ogni lato.

Romeo di Pisa l’amava di nascosto
e non poteva dille der su’ amore
ma si recava ogni dì allo stesso posto
a rimiralla co’ ansia e co’ stupore.

Poi, un giorno, usò ‘na strategia
e fece ‘n documento ‘oi sigilli
dov’era scritto e in bella grafia:
“il titolare non può avere figli”.

Giulietta lo fece senza guanto
abbassando difese e tutte l’armi:
“di siuro non ne trarrò der vanto
ma lui mi piace e poi, posso fidammi”.

All’improvviso, scoppia ‘r dramma,
un puzzo forte la soffo’a, la strozza
e lei ha un flesce; “O canna!
vest’è di Pisa, porca maiala zozza”

Manco finisce di pensare vesto
‘he si scatena ‘ome  ‘n’uragano,
le scurregge un tiene più del resto
e Romeo è gettato giù da un piano.

Lui, ch’era mezzomorto  le ‘onfida:
  – sono di Pisa ed uno scherzo ho fatto,
   ti ho amata e t’amo da ‘na vita
   spero ‘he rest’incinta con vest’atto.

Giulietta stava male, ma a velle parole
si prese’ a grandi morsi la su’ mano:
  -prima o poi pensavo ad una “sola”
   ma no di fare un figlio cò ‘n’pisano”.

  -Sentivo molta puzza in quer momento  
   e dovevo capire co’ chi andavo          
   ma, per lo scritto in quer documento,      
   ho pensato al sudore e no a chi stavo”.

  -Ora, ho anco artri di tormenti
   non ho preso la pillola der giorno
   e neanco dell’artri accorgimenti,
   se rest’incinta nascerà un “pisorno”.

  – Verrebbe un mostro, un ibrido palese
   cor puzzo della merda dei pisani
   e la scurreggia che uccide livornese”.

   – E se un giorno mi vado a ‘onfessare
   e dico ‘he n’ho data ad un pisano ?”
   don Mario è di Livorno e dall’altare:
      -in vesti  ‘asi assoluzion non diamo,
   se vuoi salvare dignità e onore
   l’estrema unzione è ‘r solo sacramento
   si può lavare l’onta e ‘r disonore
   levandosi dal mondo in un momento”.

‘osì Giiulietta, amore di ragazza,
s’avvelenò gridando in quel mentre:
   -meglio morta cò tutta la mi’ razza,
     ‘he ‘r figlio d’un pisano dentro il ventre.

Lo stesso giorno coi ceri a Montinero
Romeo si sveglia dal torpore e dice:
   -dite a Giulietta ‘he sono vivo e vero
   voglio operammi e ‘ambiar radice”.

Quando sente, però, ‘he Giulia è morta
ni prende ‘na tristezza grand’assai
va nella stanza, aprendone la porta,
dove c’è stesa la donna dei su’ guai.

Si getta addosso, la tocca e la strapazza
sperando di sveglià la su’ passione’
ma ni riesce co’ vella maniera pazza,
di smuove un enorme scurreggione.

‘osì, sur Tirreno appare scritto
d’un dramma triste e vero che si legge:
   – Giulia è morta per puzzo d’un  pisano
   e Romeo stiantato da scurregge”.
aro

Giulietta & Romeo oggiultima modifica: 2007-08-25T09:25:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo