Sirvio & Veroni’a

Ner paradiso triste era Francesca
perché aspettava di vedè’ la “luce”
ripensando sempre a vella tresca
‘he giudià doveva ’r dio duce.

Era da tempo, ansiosa e molto tesa
‘h’era pronta pe’ esse’ chiamata
e con fare nervoso e faccia tesa
chiede’ a Di Pietro la lista più aggiornata.

Lui ne diceva:  “devi ave’ pazienza
ed aspettà’ ‘r turno de “fregati”;
ora è solo momento di coscienza
ed i “ valori” sono avvantaggiati”.

Poi un giorno da luce lei fu presa
e cadde in terra ‘ome avesse peso
ma grande fu la su’ sorpresa
ner vedè’ Sirvio in aira su sospeso.

Era ridente, tirato ar punto giusto
e mi si “consenta” anche bello
guardava in basso, ritto ‘ome un fusto
a benedì’ ogni spirito novello.

Toccò anco l’anima a Francesca
e lei elettrizzata da quer gesto:
“ Sirvio io solo te volevo amare
ma, Paolo, tuo fratello fu più lesto”.

–     Mi diede ‘r libro Mondadori
dicendomi “la ‘urtura nutra,
metti da parte i tu’ pudori
e guarda le pose Kamasutra”.

–     Galeotto fu ‘r libro e vei disegni,
perché volli scoprire velle ‘ose,
ma tu eri a convince’ Mario Segni,
‘osì co’ Paolo provai tutte le pose.

Sirvio non la degnò di ‘ompassione,
volò oltre vell’anime, nell’aira
e si posò dopo mort’attenzione
su tutti l’elettori “Forza italia”.

–     VOI SI che siete ‘orti e co’ cervelli
avete votato chi der comando è eletto
Fassino, D’alema, La Bindi co’ Rutelli
staranno sempre fora da ‘sto tetto”.

–     Nell’inferno profondo li gradisco
dove satana Prodi lì s’ingroppa
per punillo delle ‘azzate ‘he fa Visco
e der su’ ‘ompare Padoa Schioppa”.

–     E se vi sembra vesta ‘na tortura
non avete sentito ancora niente,
più in basso c’è la fiamma dura
e so’ bruciati Casini e la su’ gente”.

–     ‘r sartimbanco Follini è lì co’ loro
e, maremma ‘ane ‘nsieme all’infedele
devono tutti urlare in coro:
“Sirvio, perdono, non essere crudele”

Ma, s’ode ‘na musia e ‘he si vede,
il parco s’apre, ‘ome a fisarmonia
ed entra lei, appare la firste lede
‘or volto greve della pia Veroni’a.

–     Ho scritto su Repubblica e la Stampa
che ’r mi’ marito è farso e ‘n poo budello
deve purificassi in purgatorio
pe’ togliessi di dosso quer fardello.

Mi dice sempre: “cara so’ occupato,
non posso ritornare alla ‘asetta”,
starò il week end tra ‘amera e senato
devo tirar pe’ molto la gavetta”.

–     Poi, su’ giornali, lo vede tutt’ ‘r mondo,
in nelle ville Sarde, sotto e sopra,
no a ruzzare e fare ‘r girotondo
ma ‘on le misse e mani nella topa”.

–     Pe’ vesto fatto dev’esse’ punito
togliendone lo scettro der comando
‘he si deve da’ ar più pulito,
‘r più serio, leale e senza sbando.

–     Fini è pronto, vispo e preparato
ha fatto nave scuola a Benevento
co’ ‘r caso Prestigiaomo s’è allenato,
negando, poi, con stile ogni ‘ommento.

–     Ora pe’ tanti è ‘r “nuovo” ‘onsacrato,
può farsi cari’o di vesto nuovo ruolo
e pe’ non esse’, dopo, giubilato
s’è tutelato pe’ evità ‘ ogni dolo”.

–     S’è separato, pe’ tempo, dalla moglie
ed ora è libero, ma vole compagnia
sol di budelli ‘he n’abbiano le voglie
di trombà ‘n “centro”, pè la democrazia.

Paolo, che ha “peccato” co’ Francesca,
a veste parole si sente senza scampo,   
ma vole l’indurgenza pe’ la tresca,
pe’ ritornà’ nell’Eden in un lampo.

E dice ar su’ fratello “perdono!
Mondami da vesto mio peccato
io non sapevo ch’eri tu ‘r mi’ dio
credevo fosse n’artro più osannato.

Silvio, dopo avello benedetto:
“uno sgarbo tu m’hai fatto brutto
t’avevo sempre ripetuto e detto:
ch’io devo esse’  ‘r solo e primo ‘n tutto”.

–    Pe’ stavolta tu sei perdonato
ma fa’ attenzione a le fie ‘he tu vai,
non capità più ne’ ‘r mi seminato 
artrimenti ti trovi ‘n mezzo ai guai.

Dopo la pace fatta, aprono le porte,
e vanno ‘nsieme dall’amico Bossi
ch’è giudice supremo della ‘orte
e stabilisce le pene e poi i ri’orsi.

Lui ‘he pe’ la su’ Padania è verde   
vedendo ‘r cavalier lì davanti
doventa rosso e la su’ carma perde:
“bu’odi’ulo a me più non m’incanti”.

–     m’importa ‘na sega se hai probremi
co’ la tu’ moglie ‘he t’ha corto in fallo
hai fatto i ‘azzi tua ‘n tempi sereni
e ora pe’ ‘sto casino vo’ l’avallo.    

–     Pe’ esse’ mondato dai peccati
devi sortì’ senza arcun invito
e dichiara’ davanti a noi giurati
“ ho sempre detto ‘r farso e so’pentito”

–     Artrimenti ti toccherà perenne
ir Purgatorio con l’aira triste e tesa
e nessuno vorrà rischià le penne
pe’ rimannarti all’Aira ‘he non pesa.

Sirvio restò di stucco ‘ome ‘mpietrito
ma soffo’ando la bile ed ogni stizza
talefonò ai su’ avvoati, co’ ‘r su’ rito:
“da me di ‘orsa a risorve vesta bizza”.

Arrivarono in tanti, tutti cor vangelo
per studià ‘osa si dovesse fare
per ribaltà pur anco in cielo
vello ‘he in terra era ormai normale.

Gli avvoati della Fininveste
iniziarono a tessere le lodi
di vell’uomo ‘he nella su’ veste
aveva vinto i ‘omunisti e Prodi.

–     vest’uomo co’ grinta e co’ costanza
ha risanato tutto senza “strette” ,
co’ ‘ondoni edilizi e di finanza
pe’ fà brillà’ la stella mediasette.

–     Ir popolo, fedele, lo ha premiato
e lo ha mandato beato in paradiso
ma i ‘omunisti lo vogliono trombato
togliendone ’r potere e ‘r sorriso.

–     “Ir sorriso NO” urlò un’avvoato
“è ‘r su’ simbolo, ‘r logo der successo
se ni togli vello a lui ni resta
il viso d’uno finito dentr’un cesso.

–     Vesta tragedia è nata pe’ la moglie
‘he vedendo le foto in una villa
ha pensato a Sirvio pe’ artre voglie
e non pell’ospitalità di cui lui brilla.

–     Lui è famoso, si mette sempre in posa
e ‘ome vede fie in diffiortà
lascia politia, famiglia e d’ogni ‘osa
pè ingroppalle e danne felicità.

–     E’ ’n vero omo ‘he ama la su’ gente
e quanno ‘n’elettrice soffre sola
lui và a trovalla e senza vole’ niente,
la benedice, la tromba e la ‘onsola”.

Bossi, ner sentì’ vesta difesa carda,
si rivolge a Sirvio e a muso duro:
“cos’hai da dire a tua difesa, farda
‘he m’hai copiato ‘r motto: ce l’ho duro?”

–     Certo hai goduto pe’la mi’ malattia
pe’ fa’ da solo velle certe ‘ose
ma ho sempre grande nostalgia
e anch’io verrei con te da velle spose”.

–     Se mi prometti ‘he manterrai l’accordo
e ‘he andremo insieme a forni’are
Veroni’a la mando nell’infero più sordo
‘he nulla sente, o pole pubbli’are”.

–     non sono vell’imbranato UDC
‘he s’è sputtanato pe’ ‘na sera;
voleva trombare cò du’ fie
ma n’hanno ‘nculato pe’ ‘na pera.

–     ‘ome se pe’ trombà bisogna cariallo
e non basta più la vista della fregna.
A quarcuno ci vole anche l’avallo
‘he ni faccia rizzare la su’ insegna.

–     Ora UDC, si legge sur ‘orriere,
è ‘r simbolo vicino a uno sbando:
prima: “U
niti ‘n D ovà ‘r C avaliere,
rtimamente D ove C ’è ‘r comando”.
(continua)
aro

Sirvio & Veroni’aultima modifica: 2007-08-27T11:05:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo