Il Partito Democratico

Siamo stufi di messaggi arditi
proposti dall’arte dell’inganno
la politika deve finire ed anche i riti
“votate noi che risolviamo il danno”.

Tra questi nuovi candidati,
ci sono quelli “vecchi” dei partiti,
qualcuno non è dei più fidati,
ma i grossi nomi sono coloriti.

Ecco che avanza Rosi Bindi,
capace, gentile, assennata,
vuol romper le uova e sarà quindi,
sempre poi pronta a fare una …frittata.  

Dietro altri nomi, c’è il fidato Letta,
che si è segnato all’ultimo momento,
ricorda un kamikaze che si getta
per fare numero, ma con sentimento.

Il più importante si chiama Walter
che, a seguire fa pure Veltroni
tutti lo voteranno “non c’è alter”
purtroppo la rima è con ‘oglioni.

Speriamo bene, pure ricordando
altri momenti brutti del passato,
quando qualcuno, prima gongolando,
finì pentito un pessimo mandato.

La vergogna, però durò una sera
poi, il simbolo cambiò in altri falsi,
margherita, ulivo, garofano, bandiera
“siam sputtanati bisogna riciclarsi”.

Come mai si sceglie sempre un fiore
o una pianta per simbolo “d’aiuto ?”
Perché non far veder all’elettore
“LE TASCHE VUOTE D’UN ITALIAN SPREMUTO”.
aro

Il Partito Democraticoultima modifica: 2007-10-14T21:35:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo