La “disperazione”

La mia vita è da dannata
e non sono benestante
vivo sempre per la strada
e “la do” per il contante.

Mi rifiuto di pensare
sono priva di decoro       
qualche dose per sniffare
e poi “scopo per lavoro”.

Poco prima della morte
la mia mamma mi diceva:
“Studia e impara, che la vita
non è mai troppo leggera.

“Quando cresci scoprirai
che la mente bene aperta,
allontana tutti i guai
che a ogni angolo so’ all’erta”.

Ho evitati tutti gli angoli,
e imparato nuove cose,
ma, amicizie e amori falsi    
mi han costretta ad altre pose.

Poi, qualcuno ha dominata
la mia mente con furore,
e or mi trovo condannata
con un uomo sfruttatore.

Lui con me è sempre duro
e tutti i soldi mi sottrae
vedo nero il mio futuro
ma non so che cosa fare.

Ho pensato a ribellarmi
e dar fine a questa sorte,
ma era pronto a rifilarmi
un coltello e darmi morte.

Chiedo spesso comprensione
ma non trovo mai successo,
voglion tutti una razione
del mio corpo per far sesso.

Ho la mente inaridita
piango sempre e mi dispero,
fuggirei da questa vita
ma non so qual’è il sentiero. 
aro

La “disperazione”ultima modifica: 2007-10-25T07:45:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo