La natura e l’uomo

L’uomo, avido individuo,
col cervello vuoto e sordo,
dall’iniziò prova temi
per cambiare questo mondo.

Così è, che nei millenni,
ogni cosa ha trasformato,
non per vivere felice
ma abusando del creato.

L’energia dentro la terra,
che può dare qualche spinta,
si preleva in tutta fretta,
resterà poi vuota e finta.

Nel bel mare ogni cosa
viene offesa dalla pèce
e la materia resinosa
dona morte, ad ogni specie.

E il bel verde delle piante
sta cambiando ogn’ora aspetto,
grandi steli di cemento
con i gas fuori dal tetto.

Ed infine il nostro cielo,
inquinato e non più buono,
oramai ridotto a un velo
con il buco nell’ozono.

Così sarà, che a tempi brevi,
la natura, pur soffrendo,
sarà stanca d’avè’ in seno
un altro mostro che l’offende.

E la “forza primordiale”,
con processi nuovi e tosti,
sarà all’uomo ormai fatale
come fu pei primi mostri.

Farà in modo che sia FINE
di un malvagio ormai inviso
che superando ogni confine
dà l’inferno a un paradiso.
aro

La natura e l’uomoultima modifica: 2008-03-20T11:25:45+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo