La giusta pena

Non darei un incerto fio
a chi delinque ad ogni passo
ma un giudizio sopra dio,
un castigo contrappasso.

A chi fa furti e rapine
taglierei la pelle a strisce
con corona pien di spine
che il dolore non lenisce.

A chi stupra, lo sconforto
dell’abbraccio di un caimano
che gli strappi disinvolto
ogni lembo attorno all’ano.

Ed infine per chi uccide
una spada ben puntita
che bucando molto piano
metta fine a quella vita.

Quest’Italia non dà morte
ma soltanto vitto e alloggio
e, la clemenza della corte,
fa “volare” ogni orologio.

Così dopo tempo breve
ogni reo va all’esterno;
hanno avuto pena lieve
e delinquono, in eterno.

A chi ha dato questi lodo
o inique penitenze:
“che avvenga in casa loro
ogni evento di sentenze”.

Sai che penso, la giustizia
è un potere così forte
che ridà senza mestizia
alle vittime … altra morte
aro

La giusta penaultima modifica: 2008-05-13T17:26:12+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “La giusta pena

  1. Parole dure, parole vere…quante volte ho sentito gli stessi concetti e intenzioni da bocca amica! nessuno ha il coraggio di alzare la voce, tutti a dire “abbasso la pena di morte” ma il discorso è molto complicato…io questa tua filastrocca la leggerei nei tg nazionali, come una sfida x vedere ki vince ora che non abbiamo protezione e siamo costretti a difenderci da soli e a covare vendetta.
    Buonanotte ninni

  2. salve arrivo qui dal blog di talamasca
    carina davvero questa posia dovremmo inviazrne una per tribunale ogni santo giorno

I commenti sono chiusi.