Silvio e l’eucarestia

Ora Silvio vuole l’ostia,
gli necessita, la brama,
vuol mondarsi dal peccato
pei reati che non ama.

Atti falsi e corruzione,
concussione e malafede,
lui vuol chiuder la questione
dimostrando che in dio crede.

Questo atto di difesa,
lo zio Giulio lo ha insegnato,
frequentando, a turno, clero
e rivali dello stato.

Ma la Chiesa a Silvio vieta:
“l’immorale è divorziato”
Non può aver l’eucarestia,
chi da moglie è separato.

Chi ha sposato su un altare,
e s’accorge dell’errore,
non si può più separare,
ha un impegno col creatore.

Mentre è giusto, è regolare
se il più grande malfattore,
si confessa e ingoia l’ostia:
“si è redento il peccatore”

Silvio, invece, ha fatto danno,
manca intera la sua “quota”
alla corte dell’inganno:
“la sentenza … sacra rota”.
aro

Silvio e l’eucarestiaultima modifica: 2008-06-24T02:15:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento