Il tradimento (dell’uomo)

Queste rime son rivolte
a chi ama turni e svolte
e vuole viver da sposato
libertà da celibato.

Se un uomo coniugato,
si comporta da dannato
e volge ad altre le sue voglie
il tradimento è alle soglie.

Esordisce con commenti
su fatica e avvenimenti:
“vedi è stanco, è moscio, è corto
in effetti, è come morto”

Lei paziente lo consola
con dolcezza e la parola,
poi gli prepara l’aiutino
uova, vov, peperoncino.

Alla fine della cura,
se lui ancora la trascura,
i suoi dubbi ch’eran rari
le si accendon come fari.

E dopo cinque negazioni,
prende in mano i forbicioni
e come Bobbitt al marito
glie lo taglia con quel rito.

Poi prende il “pezzo” dalla pista
e glie lo mette bene in vista
dichiarando: “amore bello
lo do al cane quest’”uccello ?”

“o facciam che si risana
se ritorna alla sua tana ?.
Se no, porco, stai sereno
sarà morto … per davvero”.
aro

Il tradimento (dell’uomo)ultima modifica: 2008-07-28T07:56:00+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento