Mosè

Una biblica figura,
che si colloca in un tempo
dove tutto era sciagura
e immorale era l’esempio.

Il suo popolo sbandato
che lo volle condottiero
era intriso di peccato
senza etica e alcun freno.

Si viveva nell’incanto,
adorando dei pagani,
l’anarchia era il solo vanto
e gli appelli sempre vani.

Ecco, allora, che il profeta
molto equo e castigato
pensò a porre un giusto freno
che cambiasse questo fato.

Così pregno del comando,
cui era stato destinato,
scalò un monte detto Sinai
molto stanco ed angosciato.

Dopo giorni e tante notti
di preghiera e vita tetra
ridiscese da quel colle
con due tavole di pietra.

Mostrandole alla gente:
“questa è voce di un dio solo,
lui sta in cielo, onnipotente,
e punirà ogni vostro dolo”.

Così nacque il sacro editto,
per punire ogni misfatto,
(ma quel dio di cui si è scritto
come mai firmò quell’atto ?) 

Lui alla gente lascia arbitrio
nel gestir la propria vita
perché allora dare stop
a soprusi e malavita ?

Io ipotizzo una regia
di Mosè e dei suoi fedeli
per imporre una magia
ai soggetti più crudeli.
(continua)
aro

Mosèultima modifica: 2009-01-01T18:48:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento