“le tavole”

Queste tavole di pietra,
dal giudizio più elevato,
son dettate dal buonsenso
(anche un poco interessato).

Fin dai primi si conosce
che gli dei vanno in pensione
e uno solo avrà la voce,
per lottar la corruzione.

Poi ci sono altri comandi
per dar freno ai più crudeli
e in totale questi bandi,
sono dieci e senza veli.

Ho provato a confrontarli
con la mente fredda e audace
per capire se a crearli
fu un umano o un più capace.

Ma scorrendo la lettura
dei comandi e le sequele
ho trovato la scrittura
detta sacra un po’ infedele.

Come, infatti non citare
le violenze a bimbi e donne
e per nulla segnalare
dei politici le fogne ?
(continua)
aro

“le tavole”ultima modifica: 2009-01-06T10:26:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su ““le tavole”

  1. “Queste tavole di pietra,
    sono state interpretate
    e le azioni più malvage
    son così giustificate.

    Tante volte Iddio Creatore
    ha dettato dei comandi.

    Ecco l’uomo evoluto non
    si ferma a contemplare
    risulta così facile poter giudicare.”

    Non so scrivere in rima. Vorrei solo trasmettere il concetto che il
    Vecchio Testamento va letto inserendo bene i racconti esposti nel loro
    contesto e soprattutto avendo ben presente che non è in antitesi con
    i comandi esposti da Gesù il quale dice: “non sono venuto ad abolire
    la legge ma a portarla a compimento”.
    C’è armonia in tutta la Bibbia ma sono presentati anche aspetti di Dio
    che spesso rifiutiamo perchè a noi piace esaltare l’amore di Dio ma
    siamo propensi a dimenticarne la sovranità, la giustizia e la santità.

    Per non dilungarmi propongo la lettura di un articolo scritto da mio
    marito sul nostro blog che affronta il tema da te proposto. Ecco il link :
    http://www.solovangelo.it/2007/12/11/un-salmo-sulla-sofferenza/

  2. “Queste tavole di pietra,
    sono state interpretate
    e le azioni più malvage
    son così giustificate.

    Tante volte Iddio Creatore
    ha dettato dei comandi.

    Ecco l’uomo evoluto non
    si ferma a contemplare
    risulta così facile poter giudicare.”

    Non so scrivere in rima. Vorrei solo trasmettere il concetto che il
    Vecchio Testamento va letto inserendo bene i racconti esposti nel loro
    contesto e soprattutto avendo ben presente che non è in antitesi con
    i comandi esposti da Gesù il quale dice: “non sono venuto ad abolire
    la legge ma a portarla a compimento”.
    C’è armonia in tutta la Bibbia ma sono presentati anche aspetti di Dio
    che spesso rifiutiamo perchè a noi piace esaltare l’amore di Dio ma
    siamo propensi a dimenticarne la sovranità, la giustizia e la santità.

    Per non dilungarmi propongo la lettura di un articolo scritto da mio
    marito sul nostro blog che affronta il tema da te proposto. Ecco il link :
    http://www.solovangelo.it/2007/12/11/un-salmo-sulla-sofferenza/

Lascia un commento