Luci della ribalta

In questo stato inefficiente,
i politici allo sbando
si contendono frequente
la poltrona di comando.

Nell’agenda d’ogni giorno
ci son sempre stesse cose,
le rinviano ogni volta,
sono idee “pericolose”.

Fisco e il suo federalismo,
poi abolire le provincie,
i ministeri del fascismo,
e tutto ciò che non convince.

Ed ancora riduzione,
alla camera e al senato,
di parecchi deputati
(lo sentivo appena nato).

Le comunità montane,
e poi abolire altri enti,
ma son lì, anche se vane
per gettare soldi ai venti.

Tra le grandi soluzioni,
come ultima delizia,
c’è poi il rischio vessazioni
se non cambia la giustizia.

Il governo appena nato
ha dato in tempo il contributo,
con le leggi già approvate
solo Silvio ha avuto aiuto.

Benemeriti e un encomio
sia a Brunetta e alla Gelmini
pur creando un manicomio
han raggiunto i loro fini.

La sinistra nota sprechi
di un’Italia in recessione,
ma tra litigi e urlati echi,
non ha mai la soluzione.

Con demagogia ripete
ogni cosa ch’è da fare
salvo poi non fare niente
quando torna a comandare.

Il problema del paese
come gli altri, è il sindacato
ma noi abbiamo anche chiese,
Vaticano e substrato.

D’immigrati siamo invasi:
“il rimpatrio è disumano”
noi diciamo generosi:
“tienli tutti in Vaticano”.

In un ranking mondiale
Roma era “caput mundi”
oggi, ecco la sorpresa,
siamo in linea col … Burundi.
aro

Luci della ribaltaultima modifica: 2009-02-03T09:18:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento