La capitolazione

Berlusconi c’è riuscito,
ha travolto un altro mito
e così Veltroni il saggio
s’è dimesso con coraggio.

Ha capito la lezione,
il PD è un mascalzone,
dove il primo la mattina
ti pugnala senza stima.

Quando arriva poi la sera
non migliora l’atmosfera,
hanno tutti l’allergia
verso il capo e la regia.

Ora Walter si è dimesso
accollandosi il processo,
anche se la sua cultura
sa qual’è la mano oscura.

Però io, porca troia
non dimentico la storia,
in poco meno di due anni
avete fatto uguali danni.

Prima Prodi, stesso rito,
ben due volte fu tradito
ed all’ultima sessione
disse: “ basta” e andò in pensione.

Eri apparso tu di getto
col PD ed un progetto
e i radicali di sinistra
furon messi fuori pista.

Questa coraggiosa scelta,
ti portò presto alla vetta
ma le elezioni, a breve data,
furon solo una frittata.

Poi, D’alema scrupoloso
un po’ subdolo e geloso
mise dubbi al proprio ceto:
“qui l’errore è di Di Pietro”.

Così Walter, col tuo dire,
ci provasti ad aggredire
ma Di Pietro fu più lesto
“il PD ? Troppo modesto”.

“Lì non si fa opposizione
ma discorsi a profusione
sono io che creo conflitto
contro Silvio e il suo profitto”.

E così la nuova armata
cambiò presto la “crociata”:
ed invece che al governo
fece lotta nel suo interno.

La morale a queta storia
è che chi cercava gloria,
oggi vede “Giuda” e inetti
(chi la fa…dopo l’aspetti).
aro

La capitolazioneultima modifica: 2009-02-19T11:47:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento