Un mondo d’amore

In un mondo di tragedie
dove tutto è rivelato
senti anche le più orrende,
non l’avresti immaginato.

Ascolti di un “malnato”
vile, ignobile figura
che ha abusato della figlia
innocente creatura.

L’ha rinchiusa in scantinato
annullandole l’esterno,
e come schiava condannata
a subirlo per l’eterno.

Molti i parti poi incestuosi
a segnare quegli amplessi
tanti nati clamorosi
certamente con riflessi.

Vò lontano con la mente
e rivedo con cinismo
chi mi raccontava l’ente,
e insegnava catechismo.

Mi diceva che l’amore
governava l’esistenza
e che vigile tutore,
era dio, l’onnipotenza.

Oggi sento queste voci
e sorrido alla “leggenda”
il paladino dell’amore
sarà bene che si svenda.

Guardo in alto, verso il cielo,
ha colori intensi misti,
prima ingoio, c’è del gelo,
e poi dico: …“non esisti”.
aro

Un mondo d’amoreultima modifica: 2009-03-20T09:42:03+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento