Un Nobel ineccepibile

Ho letto una notizia
di tre righe su un giornale,
si parlava di re Silvio
e di un ruolo a lui ideale.

Pare che, una commissione,
cerchi il modo più sagace
per portare Silvio al podio,
verso il Nobel della pace.

Lui, ancora, sempre in sella
e con fare perspicace
canterà con Apicella:
“solo il sesso dà la pace”.

Poi, con questi temi cari
ai G venti della terra
farà inviti molto chiari:
“solo topa, niente guerra”

E per questo è tutto pronto,
nella villa del gaudente
ci saranno notti calde,
di … politica emergente.

Darà il meglio di se stesso,
ispirato, sempre attento,
“iniziando” gli invitati
ad un mondo a loro spento.

Ci saranno le donnine,
quelle esperte di teatro,
a donarsi senza fine
per un sesso programmato.

Il problema sarà dato
dalla Merkel, la tedesca
che non vuole dal suo lato
le veline per la tresca.

Lei pretende uno speciale
che con fare da stratega,
sappia far le maialate
senza un attimo di tregua.

E l’idea, dopo un momento,
viene a Silvio che da guru:
“per saziare quella Merkel
ci vuol chi l’ha sempre duro.

Ed a Bossi della Lega
verrà dato quell’impegno
col comando coraggioso:
“far goder donna di legno”.

Così al Nobel della pace,
aspirante per l’Europa,
andrà Silvio, il più capace
in politica di … topa.
aro

Un Nobel ineccepibileultima modifica: 2009-09-29T09:56:32+02:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento