Gola profonda

Il suo nome ? Fini Franco,
leader storico, un po’ stanco
era erede di un passato
molto nero e sventurato.

Lui convinto Vip di destra
attendeva “lancia in resta”
che apparisse nuova luce
dopo il genio del suo duce.

Però il tempo era impietoso
e scorreva non glorioso
fino a quando “sua emittenza”
si sedette a quella mensa.

Era Silvio, re dei maghi
e lo ammaliò con toni vaghi
per poi fargli un chiaro invito:
“tu sarai il mio preferito”.

Ma per vincere il confronto
si doveva tener conto
d’inserire anche la Lega
ch’era forte e senza piega.

Molto chiaro fu il successo
ma poi Bossi per un nesso
si donò all’opposizione,
sconfessando quell’unione.

“Sua emittenza” a questa sorte
capì chi era il socio forte
e dopo fase lunga e trita
“Fini no, sei tu la vita”.

Questo, per il puro intento,
di tornare in parlamento
e dalle urne fu premiato
con lo scettro del primato

Fini, subito all’inizio
chiese un chiaro, insigne uffizio
e così gli venne offerto
un dei rami in parlamento.

Ma per esser super parte
pose in limbo la sua arte
e così il triunvirato
fu in duetto trasformato.

Gianfranco, fuori pista,
ebbe invidia del Leghista
e mostrò, con netta posa,
la sua indole gelosa.

Disse a Silvio: “io chi sono ?
non son forse erede al trono ?
attenzione a quel che fai
altrimenti sono guai”.

Così fu che ai suoi pensieri
diede sfoghi giornalieri
con parole fuori onda
per avvisi alla sua sponda:

“Silvio vuole che una legge
cambi i giudici o chi regge,
dovrà dire in parlamento
perché vuole l’intervento”.

“benvenuta sia la “bomba”
di Spatuzza che ora romba
è una goccia, guarda caso
che trabocca lungo il vaso”.

La parola FINE invoca
biforcuta lingua fioca
messo lì a comandare
da quell’uomo da “trombare”.

Come Bruto per congiura
o l’Otello rabbia pura,
anche lui andrà alla storia
a … pettegola memoria.
aro

Gola profondaultima modifica: 2009-12-08T12:41:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento