La ballata del depresso

Il diavolo soverchio
che dimentica il coperchio,
sta provando pure adesso
a sconvolgere un consesso.

Silvio, sembra “rosolato”,
vulnerabile e prostrato,
non sa come tener testa
a Gianfranco che protesta.

Dopo i voti e il risultato
ai suoi affari il timbro ha dato,
poi, agli amici più fedeli
ha donato ministeri.

Anche a Fini, caro amico
ha serbato un ruolo antico
presidente cauto e attento
d’un bel ramo in parlamento.

Ma Gianfranco ora è prostrato
perché il ruolo è limitato
e lo porta sempre in giro
ma lontano al direttivo.

Come mai voi vi direte
questo quadro da parete
non vuol fare il subalterno
proprio al capo di governo ?

Vi rivelo avvenimenti,
dai disegni sconvolgenti
che una scaltra compagnia,
avea in mente per la via.

Silvio ha sempre sospirato
d’esser capo dello stato,
quindi il sogno da cullare
era un colle, il Quirinale.

Per crearsi quel miraggio
ha profuso a vasto raggio
ed a Fini avea promesso
il governo che lui ha adesso.

Ma col fare dissennato
e il “vizietto” correlato,
ha lasciato lungo pista
onte e metodi “fascista”.

Questi eventi negativi
foschi, oscuri e troppo ostili
gli hanno fatto presto detto
cancellare quel progetto.

Così al colle vuole Letta
uomo probo, mente aperta,
che lo ha sempre consigliato
anche se poco ascoltato.

Nel sentir questa proposta,
Fini, certo della svolta
e che a lui, con questo “male”
gli toccasse il Quirinale,
si ribella e prima mossa
al governo dà una scossa.

E da Silvio si dissocia
criticando quel che sfocia
e sussurrando fuori onda:
“farò guerra a questa sponda”.

Poi per altra soluzione
cambia presto direzione
sorridendo alla sinistra
che può aprirgli qualche pista.

Quindi, il capo della fiamma
che alla vista non inganna,
si trasforma a luci spente
in maligno impenitente.

Falsità da vile attore
che rinnega a tutte l’ore
la matrice dei suoi miti
da Almirante ai vecchi “arditi”.

E’ la politica che addestra,
a cambiare suono e orchestra,
così lui dirige adesso
la ballata … del depresso.
aro

La ballata del depressoultima modifica: 2010-01-23T10:59:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento