Alla maniera di … Totti

Sirvio e er governo

Sirvio è normale chi paghi pe’ la fia,
la cambia sempre e nun glie fà la spia
nun va poi a dì: “nun è bono a fallo,
e se deve stà n’ora pe drizzallo”.

Poi, nell’intervista, quella vera
te spiegheno er fatto della sera
e se glie chiedi avete fatto bunga
t’arrisponno: “la notte è stata lunga,

lui è gentile, cordiale, sorridente
e n’omo santo, uno chi nun mente
e nun glie frega chi penseno all’esterno
te guarda sotto: “quest’è r mi governo”.

er monno sacro

Quanno senti parlà di bimbi morti
o di tragedie e artre tristi sorti
c’è d’incazzassi ascortando er prete:
“è un disegno di dio chi poi provvede”

Te viè voglia de prenne na pistola
e de sparagli in bocca pe la “sola”
oppure arzà l’occhi verso l’alta pista:
“ma quanno smetti de vo’ fà l’artista ?”

E donne

Il monno delle donne è proprio strano
e pe capille ci prova solo er “nano”,
pe lui quer corpo è com’un dorce ar miele
pe tutti l’artri è solo spine e fiele.

Si scegli na femmina impegnata:
e vai a ‘na festa, te logora a serata:
“dimostra interesse, parla, dì quarcosa,
sembri na statua sempre fermo in posa.”.

Si t’ennamori de na lussuriosa
l’hai sempre ar collo a chiedetti na cosa
lei vole sesso ca sosta d’un minuto
finchè tu dici basta e chiedi aiuto.

Ma a femmina ancora più rischiosa
è quella che te angoscia senza posa,
nun poi stà solo manco pe pensà
chi ar tu cervello vole comannà.

Quanno sei stufo e cambi la compagna
nun s’arrovescia niente, stessa lagna,
ma scappa lesto da quella che consola,
è la più infame, vor datti n’artra “sola”.

A mo’ie

Si da ‘ncosciente decidi d’accasatti
ricorda è un monno bello, ma pe l’artri,
prima è gentile, simpatia, operosa
dopo te devi scontrà pe ogni cosa.

Finito ir tempo dolce, quello ar miele
te trovi accanto a peggio delle iene,
nun se cheta mai, manco te sente,
e se poi giura è solo perché mente.

Si nun lavora se sente ‘na tradita
st’à brontolà chi questa non è vita
ch’era meglio a casa de su mà
dov’era ‘na regina sur sofà.

Quanno t’azzardi a dì: “famo all’amore ?”
lei t’arrisponne: “ hai ir cervello fore
nun posso lavà panni, stirà e fà de cucina
e avè la voglia de datti la … cosina.

Si invece lavora e fa’ carriera
nun po’ certo pensà da cameriera,
prima te chiede: “ar mese quanto pigli ?
E’ troppo poco nun me parlà de figli.

Spende li sordi ner modo più mirato:
“vò ar negozio dietro l’isolato,
poi lì vicino c’è la parrucchiera
me fò la permanente pe stasera”.

Bene arrisponni: “io guardo la partita”
nun ce sperà, pe lei sei troglodita:
“metti pace ner core e trova vena
stasera hai la mi mà chi vien’a cena“

I fi’i

Si naschino fi’i nell’anni pe’ la via,
so dono di dio te fanno compagnia,
ma poi crescenno nun senteno er bisogno
perc’hanno in testa de realizzà ‘n sogno:

“Noi semo felici co musica e spinelli
caccia li sordi, vogliamo solo quelli;
vivemo solo pe na poesia:
“forza roma si tutt’ a vita mia”.

Er vecchio

Appena nato te dicean: “sei bello,
sembri dipinto a mano, cor pennello”.
però nell’anni e si hai na lunga via
ci s’imbruttisce a mò de malattia.

Ir corpo sfatto se ne và ‘n malora
la testa greve, nun c’hai più memoria
puoi farti sortanto un comprimento:
“si’ brutto fori, conservati de dentro”.

Concrusioni

Ora vi fò er riassunto della vita,
restà da solo può esse’ da eremita
ma nun te vengheno l’ansie e li pensieri
chi te dà er matrimonio coi doveri.

Quanto alla morte c’è tempo pe pensacci
mandala sempre all’artri “ a li mortacci”
e poi da vecchio, sbattuto d’ogni lato
stà a medità di quanto è stronzo ir fato.
aro

Alla maniera di … Tottiultima modifica: 2010-11-13T10:17:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento