In piedi, entra la Corte

La Boccassini alfine c’è riuscita,
ha incastrato il re dell’avventura,
ma tutto l’odio covato da una vita
lo esprime oggi con la “spazzatura”.

Stupida, banale creatura
con quella idea fissa: “lo processo”
Silvio, stavolta, onora la natura
che vive unicamente per il sesso.

Solo la chiesa racconta la panzana
che la vita è unicamente fede e amore
e dopo, assolve i suoi uomini in sottana
che ai bambini vanno dentro al … cuore.

Quel metodo vigliacco d’origliare,
intercettando accordi per far sesso,
rivela un indirizzo al malaffare
per dopo rincorrere il successo.

Mi ricorda l’altro caso, più imbecille
di chi volle lottar la corruzione,
le mani “sporche” le avean più di mille
ma lui ne accusò dieci sul suo “onore”.

Ora gira nei luoghi del potere
e si è creato anche un suo partito,
cosa gl’importa adesso del “dovere”
si ruba più di prima e in ogni sito.

Ma tant’è, si crea un “polverone”
perché l’immagine ne riceva danni
e si rifletta su Silvio il paperone
che governa il paese da tant’anni.

I risultati nel leggere la “fogna” ?
Di nuovo la fiducia del votante:
“beato lui che si diverte e sogna
e può mandare in culo il giudicante”.
(continua)
aro

In piedi, entra la Corteultima modifica: 2011-01-22T13:46:00+01:00da ninniromeo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento